La pizza tarallo: due delizie di Napoli in un sol boccone

La pizza tarallo: due delizie di Napoli in un sol boccone

Cosa succede quando la pizza e i taralli si incontrano? Nasce la Pizza Tarallo! 

Sì, avete capito bene: con un sol boccone si possono assaggiare due gusti tipici della cucina partenopea…

Ma che cos’è la pizza tarallo?

Per la “pizza tarallo” vengono utilizzati gli stessi ingredienti presenti nella ricetta dei taralli napoletani classici: tra questi, i principali sono naturalmente “pepe e sugna”. La sugna, da non confondersi con lo strutto, è il grasso del suino del tutto privo di impurità (da qui il nome taralli ‘nzogna e pepe).

Per l’impasto viene utilizzata la farina biologica e la base rimane bianca anche in cottura (almeno nella versione in collaborazione tra Gino Sorbillo e Fabio e Marco Infante). Da questa collaborazione tutta napoletana, infatti, è nata l’idea di creare questo mix di sapori esplosivo e particolarmente caratteristico del territorio campano. Non poteva che venire dai più celebri pizzaioli della città: rispettivamente proprietari della pizzeria Gino Sorbillo, impossibile non conoscerla, e di Leopoldo dal 1940. 

Base bianca e taralli sbriciolati in topping

La base della “pizza tarallo”, unica nel suo genere, è normalmente bianca, come nei migliori taralli…e non può mancare una spennellata di olio extra vergine di oliva. Altri ingredienti basilari sono la sugna, il pepe e fior di latte o mozzarella di bufala. A fine cottura, come “topping” sulla pizza fumante, vengono aggiunti i taralli ‘nzogna sbriciolati, pepe caldo sbriciolato e granella di mandorle tostate. 

A questa pizza, già perfetta, si possono naturalmente aggiungere, a discrezione dello chef, altri sapori genuini e freschi. Ad esempio, nella versione di Gigino e Figli, vengono aggiunti grana padano a scaglie e fiori di Zucca freschi, provola dei Monti Lattari e ricotta di bufala. Quello che non può mancare, come in ogni pizza napoletana che si rispetti, è naturalmente il basilico fresco.

Il risultato è una pizza dal sapore unico e genuino, leggera nonostante l’abbondanza di ingredienti, grazie alla lavorazione e alla lievitazione naturale in fase di preparazione.

Che dire? Non ci resta che lasciarci sorprendere da questa nuova trovata unica nel suo genere, che porta inciso in ogni ingrediente la parola NAPOLI. Il primo morso sarà sicuramente croccante e gustoso…quindi buon appetito!

a.t.

Altre storie
maestro pizzaiolo florindo franco
Il maestro pizzaiolo Florindo Franco presenta il suo Casatiello Calabrese