Antico Vinaio a Firenze, il re della schiacciata

Tommaso Mazzanti, 32 anni, è il re della schiacciata. Infatti nei suoi celebri reels su Instagram le divide in due. E ancora fumanti le farcisce di ogni modo. Abbiamo la sbriciolona, finocchiona, prosciutto toscano, salame, porchetta di Montespertoli, le famose cremine fatte in casa.

La storia del Re della Schiacciata

Tutto è iniziato con una piccola bottega aperta dai genitori di Mazzanti nel 1989 in via De’ Neri 74. Antico Vinaio si è moltiplicato, sono stati aperti 3 nuovi locali a Firenze, sempre in via De Neri. Il posto non bastava, gli avventori da decine erano diventati centinaia.

E Tommaso, in tutto ciò, passa dietro al banco e quindi nel 2016 prende in mano l’azienda. Trasformando il locale in un fenomeno internazionale che è quello che conosciamo oggi.

Persone del quartiere e turisti provenienti da ogni parte del mondo, tutti desiderosi di assaggiare una di quelle indimenticabili schiacciate.

Ora i negozi sono 9, di cui appunto 4 in via de’ Neri, uno ai Gigli, uno a Milano, uno a New York e due a Roma. E quest’anno, inoltre, si dovrebbe aprire a Los Angeles. Ma stanno ancora cercando la location giusta. Un successo che secondo Tommaso, aldilà della bontà della schiacciata con la sbriciolona, è dovuto anche all’aver espresso con genuinità i sapori e l’atmosfera toscani anche nei negozi fuori da Firenze.

 

La schiacciata fiorentina

Anche se è difficile da credersi, sono ancora in tanti a non essersi gustati l’ottima schiacciata dell’antico vinaio. Vi descriviamo cosa vi aspetta.

Si tratta di uno dei capisaldi dello street food fiorentino. Nello specifico, è un tipo di focaccia tipica solo in Toscana caratterizzata dai “buchi” presenti sulla superficie una volta cotta. La si può farcire di ogni modo.

La più richiesta è da sempre la mitica Favolosa, a base della sbriciolona di Montespertoli, pecorino, crema di carciofi e melanzane grigliate, o anche l’Inferno con porchetta toscana, crema piccante, melanzane, zucchine e rucola.

Il menù però ha tantissima scelta.

 

Cosa aspettiamo?

 

Continuate a seguirci su Instagram.

Altre storie
Sigep rinviato a marzo, cause e conseguenze