Anvedi: lo stile Usa raddoppia a Roma!

Con il nuovissimo locale Anvedi, lo stile fusion diventa eccellenza! Ecco la nuova proposta di Andrea Becattini

Il format “Anvedi” non lascia! Anzi… raddoppia! Il punto vendita nato del 2019 conta, infatti, già all’attivo un punto vendita e un terzo in costruzione in via Tuscolana. Con il suo nuovo ristorante-pizzeria in via Battistini 57, che si aggiunge alla prima sede situata all’Axa,  Anvedi si ritiene dunque pronto a offrire la sua nuovissima offerta e succulenta proposta gastronomica.

Anvedi: la specialità fusion

Specialità assoluta della sua nuovissima offerta? Una vera e propria fusion tra proposta da trattoria e dinner americano rivisitata, appositamente, dallo chef Andrea Becattini. Un’esperienza gastronomica d’eccellenza da gustare quindi, e di cui gioire, in uno spazio caldo e informale assolutamente in linea alla piacevolezza del format. Dai materiali ai colori, dagli elementi d’arredo alle bellissime fotografie a tema food, Anvedi si attesta infatti come un format pensato e studiato in maniera meticolosa, dal punto di vista della location e non solo.

Roma incontra i classici d’Oltreoceano

È un’esperienza gastronomica che affianca alla tradizione romana le rivisitazioni di alcuni classici d’Oltreoceano quella proposta infatti da Anvedi. Una vera e propria cucina che sa dare forma ad un’iniziativa gastronomica in grado di intrigare, e al tempo stesso, restare accessibile a tutti.

Anvedi e Andrea Becattini: un connubio di successo

Andrea Becattini, trentatreenne romano con esperienze a Roma ed Ostia in diversi ristoranti, spiega infatti a riguardo: “Non è detto che le tecniche d’alta cucina debbano essere riservate solo ad un certo tipo di ristoranti: è possibile utilizzarle anche per fare una cucina popolare di qualità, che possa esser proposta anche su grandi numeri senza mai perdere di vista l’intensità dei sapori, studiando piatti che facciano nuovamente venir voglia di pranzare e cenare fuori, condividendo il cibo”.

Una proposta fusion e rivisitata

“La proposta di Anvedi – continua Becattini – si basa proprio sul riuscito connubio tra la tradizione romana e la rivisitazione di alcuni piatti americani. Abbiamo voluto prendere spunto dall’American Bbq per creare piatti caratterizzati da ingredienti e sapori di Roma”. Fanno, infatti, capolino nel menu, la sezione apposita “Nun fa l’Ammericano”che comprende le saporitissime pork ribs, lo smokey burger, e ancora, gli Anvedi fried chicken. Una proposta dunque che sa guardare altrove, e che sa persino guardare avanti.

Anvedi: un locale… un concept!

Nato nel 2019 dall’idea di Alessandro Dionisi, Daniel Ratti e Francesco Nispi Landi, Anvedi punta infatti a modernizzare, senza tuttavia snaturare, l’anima e la cucina dei locali romani con materie prime d’eccellenza, rispetto della stagionalità e tecniche di cottura ottimizzate.

Non solo american style

Non solo american style dunque. La cucina romana proposta da Anvedi richiama, ovviamente, anche la pasta e la pizza, che rappresentano, a tutti gli effetti, le due protagoniste assolute del menu proposto. Interessantissimo e degno di nota è infatti anche il lavoro fatto sulla pasta con la collaborazione del Pastificio Mauro Secondi che ha messo a punto, proprio per l’occasione, due formati, il Tonnarello e il Maccarone, particolarmente ruvidi, ideali per potersi sposare al meglio con i sughi quali Amatriciana, Carbonara e Gricia.

Italian style di Anvedi

La pizza, altra protagonista assoluta di Anvedi, rappresenta inoltre un chiarissimo omaggio alle storiche pizzerie romane. Con l’impasto steso al mattarello, che consente di ottenere un disco sottile e “scrocchiarello”, Anvedi cerca infatti di rendere ancora pù identitaria la sua pizza. Nella sezione “Dar Pizzettaro” ci sono infatti tutti i sapori di un tempo, la Margherita, la Crostino, la Napoli, e ancora, la Fiori di zucca e alici e la Bomba alla romana ( in cui il panetto viene panato nel pecorino, fritto e condito con le salse dei classici piatti romani).

Ce n’è davvero per tutti i gusti da Anvedi, non resta dunque che iniziare a esplorare… e gustare!

s.g

Altre storie
Carter Oblio: La cucina dell’ingegno