Olitalia
Olitalia

Innovazione e specializzazione: il “modello” Olitalia

Gianni Tognoni, Responsabile Sales&Marketing di Olitalia, racconta a Pizza Tales la filosofia aziendale del brand

Alla guida di Olitalia c’è da tempo la famiglia Giuseppe Cremonini: un nome che esprime oltre cinque decenni di eccellenza nel settore alimentare, simbolo di qualità e tradizione della gastronomia italiana nel mondo. Abbiamo intervistato Gianni Tognoni, Responsabile Sales&Marketing dell’azienda, per farci raccontare la filosofia che ha permesso al brand di affermarsi, puntando in special modo su innovazione e specializzazione per consentire ai protagonisti del mondo del food di poter esprimere in pieno il proprio talento creativo.

Olitalia è tra i protagonisti del mercato nazionale e internazionale nella commercializzazione di olio. Quali sono i suoi punti di forza?

Olitalia è un’azienda basata in Italia, ma a forte vocazione internazionale, con una presenza in oltre 120 paesi, che unisce tradizione e innovazione. Tra i nostri punti di forza senz’altro ritroviamo 3 cardini principali, ovvero tre elementi chiave che ci consentono di distinguerci: innovazione, formazione e specializzazione.

L’innovazione fa parte del DNA della nostra azienda e riguarda i diversi prodotti e i progetti che stiamo sviluppando, la formazione prevede un’importante attività sia con scuole di allievi chef e sia con i nostri importatori e il mondo della ristorazione all’estero, dove ci facciamo ambasciatori per divulgare una cultura dell’olio e dell’aceto balsamico. La nostra accademia, O.I.L. – Olitalia Innovation Lab ne è la testimonianza: una struttura che unisce formazione e innovazione. Questa struttura consente di organizzare corsi e show cooking live per la platea presente in sala, ma anche e soprattutto per erogare un servizio di formazione a distanza in modalità streaming: uno strumento che si è rivelato fondamentale nell’ultimo anno. Per Olitalia “formazione” significa dare alle persone che con noi collaborano e che presentano e vendono i nostri prodotti, quelle informazioni, quegli strumenti e quelle tecniche che saranno loro utili per generare valore e supportare il loro lavoro quotidiano.

Il terzo elemento è la specializzazione: la nostra cultura della specializzazione vede il suo apice in Frienn, olio di semi di girasole alto oleico 100% italiano per frittura, e nella nuova linea di oli extravergine I Dedicati. Non abbiamo intenzione di proporci semplicemente come fornitori di olio extravergine d’oliva, perché questo ci condannerebbe a essere influenzati dalle logiche di prezzo, ma adottiamo un approccio innovativo, offrendo l’olio giusto specifico per ogni piatto, prodotti in grado di valorizzare al meglio le singole pietanze, dalla pizza, alla verdura al pesce, dalla carne alla pasta, ai fritti. Non solo, per noi specializzazione vuol dire anche avere approcci diversi a seconda del canale distributivo. Serviamo sia il canale della distribuzione moderna e sia il canale Food Service in Italia e all’estero con partner globali importanti come quella con Eataly con cui ci accomuna lo spirito di diffusione della cultura del buon cibo italiano

Che significa innovazione per Olitalia?

Innovare per Olitalia vuol dire coniugare la tradizione e la qualità prima di tutto nella creazione di nuovi prodotti. Le novità presentate recentemente sul mercato sono “I Dedicati”: la nuova linea di oli extra vergine composta da cinque referenze specifiche per abbinamenti con piatti di pesce, carne, pasta, verdure e pizza. Realizzati in collaborazione con JRE (Jeunes Restaurateurs d’Europe) e con l’Associazione Verace Pizza Napoletana, “I Dedicati” sono pensati per facilitare e guidare il consumatore nella scelta dell’olio più indicato per esaltare al meglio il sapore e il gusto dei piatti. L’obiettivo è quello di mettere in risalto l’aspetto funzionale dell’olio extra vergine di oliva. L’olio, quindi, non è più un semplice condimento ma diventa ingrediente fondamentale di una preparazione, in grado di esaltarne e impreziosirne il gusto.

Un altro esempio è FRIENN (l’equivalente di “friggendo” in dialetto campano), che nasce dall’esperienza di Olitalia in collaborazione con Pasquale Torrente, rinomato chef salernitano

Oltre a questo, per noi innovazione significa anche puntare ad un’evoluzione tecnologica delle nostre strutture, ad un abbattimento dei consumi e dell’impatto ambientale, ma non solo. I nostri sforzi sono rivolti anche al modo di relazionarsi con il mercato, uscendo dai soliti modelli di vendita del prodotto per promuovere, invece, programmi di partnership multicanale.

Siamo convinti che solo un approccio fortemente orientato all’innovazione possa migliorare il nostro lavoro e offrire alla grande famiglia Olitalia – e ai tanti clienti che, in tutto il mondo, si affidano a noi – una varietà di soluzioni alimentari all’altezza delle loro aspettative: buone, di qualità e sicure. Questo è il nostro modo di guardare al futuro, mantenere un vantaggio competitivo, tenere il passo con le tendenze del mercato e soddisfare e anticipare le esigenze dei consumatori, con un’offerta che si adatta agli stili di vita contemporanei, in grado di contribuire ad un’alimentazione sana ed equilibrata in linea con i parametri della dieta mediterranea di cui l’olio è un elemento fondamentale.

Olitalia
Gianni Tognoni

In che cosa si differenzia Olio Frienn dagli altri oli di cottura?

Frienn è l’olio per frittura, completamente privo di olio di palma, prodotto con olio di semi di girasole coltivati e lavorati esclusivamente in Italia per il quale sono stati siglati accordi di Filiera Italia per garantire una giusta remunerazione ai coltivatori diretti grazie a contratti pluriennali. È un prodotto ad alto contenuto di acido oleico (80%) e aggiunta di antiossidanti (tocoferoli ed estratto di rosmarino). La formulazione è innovativa e tutelata da un brevetto italiano: questo garantisce la totale assenza di schiuma in frittura, un elevato punto di fumo e una stabilità alle alte temperature. Il risultato è che il cibo non brucia esternamente che il sapore originale degli ingredienti non viene alterato.

Come viene garantita la qualità dell’olio attraverso i processi produttivi?

Per Olitalia “eccellenza” significa adottare gli standard più elevati in tutti le fasi della filiera di produzione, come dimostra l’adozione – oltre al controllo di qualità interno – delle certificazioni di qualità più importanti, tra cui:

  • BRC Global Standard, per la sicurezza alimentare;
  • IFS, International Food Standard;
  • Kosher Certification, per alimenti che soddisfino tutti i requisiti delle leggi alimentari ebraiche della kasherut;
  • Certificazione di qualità biologica europea BIO Europa;
  • Halal Food Certification, per prodotti consentiti dalla legge islamica e commestibili, potabili o utilizzabili dalle persone di religione musulmana.

La qualità dei nostri prodotti è riconosciuta e apprezzata da molte delle principali catene di vendita al dettaglio, che adottano i nostri standard di qualità per i propri marchi.

Olitalia e pizza: un amore ribadito a più riprese, sia attraverso la creazione di prodotti ad hoc (i dedicati speciali) sia attraverso il supporto di iniziative ed eventi legati al mondo pizza.

È proprio così. Oltre alla referenza per pizza della gamma I Dedicati, sviluppata in collaborazione con l’Associazione Verace Pizza Napoletana, Olitalia negli ultimi mesi ha sostenuto diversi progetti. Tra questi vanno sicuramente menzionati “Pizza Challenge”, un format televisivo che ha visto dodici pizzerie romagnole in sfida, “Mica pizza e fichi” il programma televisivo condotto da Tinto e in onda su La7 e “50 Top Pizza”, la guida online che classifica le migliori pizzerie italiane ed europee. In occasione della presentazione dell’ultima edizione abbiamo anche assegnato gli Olitalia Awards a l’Antica pizzeria di Londra per il Best dessert list e Malafemmena di Berlino per il Best fried food.

l.s.

Altre storie
Formazione
Noi di Sala: La Formazione