Sapori dei Sassi
Sapori dei Sassi

Sapori dei Sassi, il valore della cultura enogastronomica

Da punto vendita ad e-commerce perseguendo un obiettivo: recuperare e valorizzare i sapori del nostro paese

Sapori dei Sassi vende pezzi di storia e cultura eno-gastronomica: ogni prodotto è orientato a soddisfare il bisogno di conoscere la cultura gastronomica. Tentiamo di trasformare il momento conviviale in un vero e proprio evento culturale, coinvolgente e multisensoriale”. L’incipit presente sul sito di Sapori dei Sassi è un vero e proprio manifesto culturale che mette in chiaro le finalità del progetto. Abbiamo fatto riferimento alla cultura perché riteniamo fondamentale sottolineare come l’immenso patrimonio enogastronomico del nostro paese costituisca una risorsa strategica per far scoprire e conoscere la storia e la tradizione d’Italia.

La realizzazione di un’idea

Siamo nati quasi 13 anni fa, inizialmente aprendo un punto vendita di prodotti tipici lucani nei Sassi di Matera. Abbiamo subito affiancato al negozio un e-commerce che si è evoluto rapidamente. Il nostro progetto era nato con l’obiettivo di vendere online solo tipicità del posto ma abbiamo subito capito quanto fosse necessario allargare il nostro catalogo partendo dalla regione Puglia (per vicinanza geografica). Poi negli anni abbiamo aggiunto anche le altre regioni limitrofe del meridione ed abbiamo continuato ad espanderci sia per la richiesta dei clienti che per la nostra voglia di crescere”. A parlare è Giuseppe Carlucci, una delle anime di Sapori dei Sassi.

Il cambio di vita

Sono nato come grafico pubblicitario, poi grazie alla mia professione ho conosciuto una persona, un mio cliente proprietario di una azienda vinicola, e da questo incontro e dalla nostra amicizia è nata l’idea di creare questa attività. Avevamo intuito che i flussi turistici legati alla zona dei Sassi di Matera sarebbe cresciuto rapidamente ed abbiamo quindi scelto di agire, inizialmente pensando ad un punto vendita dedicato esclusivamente al turista, nel quale vendere tipicità del territorio, ma poi l’idea si è trasformata. Ora abbiamo chiuso il punto vendita per dedicarci esclusivamente all’e-commerce che da stampella del negozio è diventato il centro del progetto”.

La selezione dei prodotti

Farsi portavoce della valenza culturale del nostro patrimonio enogastronomico è un compito arduo che richiede grande conoscenza ed intuito: “Scelgo personalmente i prodotti con mia moglie, prediligiamo i prodotti di micro aziende agricole, fuori dalla grande distribuzione. Quasi la totalità dei nostri prodotti, il 99% praticamente, non contiene alcun tipo di conservante, vendiamo solo prodotti naturali a tiratura limitata. La bontà del prodotto dal punto di vista gusto-olfattivo è scontata, nella quasi totalità dei casi ci rechiamo personalmente in azienda per conoscere i produttori. Se i loro prodotti sono in possesso delle caratteristiche che cerchiamo, questi entrano a far parte del nostro e-commerce”.

Passione e organizzazione

Coinvolgere realtà artigianali molto piccole, strutturando un servizio di spedizioni in tutto Italia è evidentemente una ulteriore difficoltà che quotidianamente Giuseppe deve affrontare: “Spesso è complesso organizzare la logistica a causa delle dimensioni delle aziende e noi ci occupiamo in prima persona del ritiro dei prodotti dalle aziende verso il nostro magazzino. Tutto il nostro catalogo è presente a magazzino, il produttore non si occupa mai delle spedizioni. Abbiamo deciso di organizzarci in questo modo per poter assicurare grande efficienza al sistema di spedizioni”.

La pandemia, un’opportunità per evolvere

Puntare decisamente sull’e-commerce era un’idea già presente nei ragazzi di Sapori dei Sassi, e l’imprevisto legato all’emergenza sanitaria non ha fatto altro che velocizzare un passaggio già previsto: “La pandemia ha stravolto il nostro lavoro, ha accelerato la decisione di chiudere il punto vendita e di trasferire tutto il nostro business solo sulla vendita online: abbiamo potuto osservare in quei mesi una crescita incredibile e ci siamo convinti che fosse la decisione giusta da prendere. Gli e-commerce legati al food hanno avuto un boom importante e anche se a malincuore abbiamo chiuso il nostro punto vendita, lì dove tutto ha avuto inizio”. Il passaggio al web non ha però assolutamente modificato la filosofia con cui Giuseppe e i suoi soci scelgono i prodotti da inserire a catalogo: “Un prodotto deve essere in possesso di alcuni fattori fondamentali: la qualità della materia prima, localizzazione geografica e quantità prodotte molto ridotte”.

l.s.

Sapori dei Sassi

Altre storie
Anti-Supplì
Dalla pizza dolce al supplì: Luca Pezzetta presenta “Anti-Supplì”