La talpa 3.0, dal Trentino una pizza in stile casertano

La regione del Trentino – Alto Adige gode di eccellenze enogastronomiche conosciute e invidiate da tutto il mondo. Parliamo di Vino, mele, formaggi ma non solo. Ormai infatti anche quando si parla di pizza, il Trentino Alto Adige si piazza tra le primissime posizioni in Italia per la bontà e qualità del piatto simbolo d’Italia. Tra le pizzerie più quotate troviamo ‘ La talpa 3.0 ’  della città di Balsega Pinè.

 

La pizza è diventata anche nelle vallate dolomitiche una pietanza popolare, proposta in abbinamenti o con ingredienti decisamente dolomitici.

Quello de La Talpa 3.0, in particolare, è Uno stile di pizza unico. Con ingredienti di qualità, ed un’ impasto leggero.

Il patron della pizzeria è Matteo Ceschi. Trentino doc  del 1978. L’avviare la sua attività è stata una vera sfida. Facile far successo quando si ha il locale in un punto cruciale. Ma quando ci si trova in un piccolo borgo non di strada, è difficile persino far girare il passaparola.

Quella pensata da Matteo è l’ evoluzione di una realtà – un bar-tabacchi con annesso b&b – avviata nel 1964 dai genitori. E ora divenuta contemporanea, dinamica e scattante.

Matteo, partito dal far pizze per gioco, ha saputo far crescere la sua professionalità, anche grazie a corsi e master in tutta Italia.Vighizzolo d’Este inclusa.

Ed è così che adesso sforna orgoglioso la sua pizza da La Talpa 3.0 . Per la quale viene adoperata la farina Petra 0102 HP, preziosa di grano tenero germinato. La sua pizza è esuberante, energica e vigorosa. Come le montagne che stanno intorno.

Quella de La Talpa 3.0 più che di stile napoletano la potremmo definire una pizza in stile casertano, a canotto. Ossia col cornicione ben pronunciato. E addirittura, ripieno.

A determinare il successo dell’ attività, il credere fino in fondo nella qualità del proprio lavoro. Ed è quello, secondo Matteo, ad attirare in particolare i clienti.

 

 

 

Continuate a seguirci su Instagram.

Altre storie
sophia loren original italian food
Sophia Loren Original Italian Food: la bellezza di una donna del Sud… e della sua gastronomia