Stile Scandinavo e consigli d’arredo elegante

Come nasce lo stile scandinavo e perché? Scopriamolo subito!

Come nasce lo stile scandinavo e perché? Ovviamente, come tutte le faccende umane, anche l’arredamento in stile scandinavo va contestualizzato. Infatti si tratta di un arredamento tipico delle regioni fredde del Nord Europa e che quindi fa riferimento al proprio contesto climatico e sociale per calibrare anche l’arredamento degli interni. Una delle caratteristiche principali di quelle regioni è la poca disponibilità, in termini di ore, di luce naturale, solare. Ecco quindi che gli arredi si scelgono su toni chiari, in grado di donare luminosità, anche laddove questa scarseggi. Altro aspetto riconoscibile delle regioni nordiche è il profondo legame con l’ambiente, aggiunta alla difficoltà che possiamo immaginare di scambio agevole e continuativo con il resto d’Europa, ecco fatto che la scelta dei materiali verte spesso su risorse locali, preferibilmente naturali, specie per legno e tessuti. 

 

CARATTTERISTICHE DELLO STILE SCANDINAVO

Ora, come si caratterizza fisicamente lo stile scandinavo? Semplice. Ecco alcune caratteristiche che vi potrebbero aiutare nella scelta degli arredi, se vi state orientando sullo stile nordico:

  • Date prevalenza a colori neutri, chiari. Via libera alle sfumature di bianco
  • Pavimenti in legno, meglio se naturali. Anche qui orientatevi su tonalità chiare. Rovere, legno sbiancato, gres chiaro e così via
  • L’ambiente deve essere pieno di finestre, lucernari, aperture, vetrate. Ricordatevi che o stile scandinavo nasce per valorizzare la luce naturale. In pratica, se aprite un locale underground, nella vecchia cantina di un palazzo di fine 800, lo stile scandinavo forse non fa per voi!
  • Per le superfici continue come tavoli e banconi, scegliete materiali opachi o grezzi
  • Per i pezzi d’arredo, tenetevi sobri, non aggiungete pezzi eccentrici o che canalizzino troppo l’attenzione
  • Non dimenticate assolutamente di dare all’ambiente un senso di confort, accoglienza, calore, con un occhio sempre puntato sulla praticità

 

LESS IS MORE

Oltre a tutte le caratteristiche che abbiamo delineato fin qui, ce n’è una che le racchiude tutte e che non può assolutamente essere sottovalutata, il minimalismo!

Lo stile scandinavo si nutre di spazi neutri, chiari, senza chiaroscuri, contrasti, zone d’ombra, in una parola, minimal

Le decorazioni e gli orpelli, dovranno essere semplici, ridotte, presenti chiaramente perché donano quel senso di accoglienza che ben si sposa con l’idea di ambiente che stiamo qui delineando, ma la tendenza alla semplicità e al tipico “less is more”, non va mai dimenticata. 

Quindi via libera a linee semplici, texture non elaborate, linee decorative e stanze con pochi ed essenziali elementi. Non sovraccaricate le sale. Mantenetevi eleganti, provate sempre a togliere, piuttosto che aggiungere!

 

E IN ITALIA?

Chiaramente, siamo in Italia, e questi profondi problemi di luce non li abbiamo, questo ci permette di poter giocare, magari, un po’ di più con i colori, azzardando magari qualche colore forte, per le pareti magari, che vadano a bilanciare la prevalenza, onnipresente, dei bianchi. Diciamo che, il fatto di adattare ai climi mediterranei uno stile che mediterraneo non è, ci permette di prenderci delle libertà e, nel rispetto delle caratteristiche generali, osare con qualche elemento di rottura. Che sia esso un colore più forte per una parete, un mobile minimal ma non chiaro, una lampada importante, può forse aggiungere valore all’idea generale di accoglienza e accrescere la personalità del locale!

 

f.c

Altre storie
paolo gramaglia
Pasqua stellata con le ricette di Paolo Gramaglia