Il panettone al caffè di Cannavacciuolo vale davvero 55€?

La nuova idea dello chef per Lollocaffè

Il panettone è il dolce per eccellenza delle festività natalizie. E diventa ancora più goloso se farcito. Specificamente parliamo del panettone al caffè dello chef Antonino Cannavacciuolo. O meglio, si tratta del Panettone Caffè e Cioccolato.

Questa alternativa ricetta del panettone è pensata da Antonino Cannavacciuolo per Lollocaffè. Tuttavia, il panettone è realizzato nel rispetto della tradizione. Con l’aggiunta del caffè selezionato dal celebre chef.

E che questo caffè sia diventato la scelta preferita di Antonino Cannavacciuolo anche per il panettone non è di certo un segreto.

Il panettone al caffè è disponibile sull’e-shop dello chef Antonino Cannavacciuolo al prezzo di 55 € per un chilogrammo.

Ma ce li vale davvero?

IL PANETTONE AL CAFFè DI ANTONINO CANNAVACCIUOLO

Per quanto riguarda il packaging, il panettone è contenuto all’interno dello stupendo cofanetto in latta. Creato dalle mani di un maestro dello cartotecnica italiana. Al centro spicca il nome dello chef contornato dai pallini simbolo del bistrot e dagli inserti dorati.

Il panettone al caffè di Cannavacciuolo si presenta dalla struttura soffice e dal cuore ripieno e profumato di vaniglia e cioccolato.

La bella alveolatura allungata è frutto di una lievitazione di 36 ore con 5 passaggi d’impastamento. La lavorazione è artigianale e la pirlatura è manuale come vuole la tradizione.

La copertura, bella spessa, è realizzata con cioccolato bianco e chicchi di cioccolato al caffè. Tale stratificazione rende ancora più goloso il morso.

L’impasto è impreziosito da una farcitura ottenuta da un perfetto equilibrio tra panna, cioccolato bianco, caffè in polvere e liquore al caffè.

Note di burro e vaniglia del Madagascar scandiscono al palato i leggeri sentori acidi dell’impasto e profumano l’aria di dolci fragranze che invitano al bis.

 

In sintesi, un po’ per l’aspetto magnifico. Un po’ per la ricetta che è un mix di tradizione e sperimentazione. E soprattutto per il gusto tutto napoletano. Si può dire che sì. 55 euro di bontà ed estasi.

 

Continuate a seguirci su Instagram.

Altre storie
spreco alimentare
Spreco alimentare: una giornata all’insegna dello #StopWaste