Farina del mio sacco: lo specialista della pizza!

Con pizza in teglia romana, pinsa, pizza classica e persino proposte gluten free, Farina del mio sacco di Aosta riesce a brillare per iniziativa e soprattutto per esiti. Ecco la sua tanto vasta quanto gustosa proposta gastronomica!

In via Torre del Lebbroso, ad Aosta, lo “specialista della pizza” svela finalmente ai suoi cultori un mondo di gusto eccezionale e, soprattutto, di radicatissima tradizione nazionale. È la volta di Farina del mio sacco, la prima realtà in grado di spaziare dalla pizza alla pinsa, e perché no, anche all a pizza in teglia romana.

Una gustosissima e irresistibile mission

Quello di Farina del mio sacco è, di fatto, un percorso che nasce nel 2014 con la ben precisa mission di far godere, e soprattutto, far gioire tutti i più golosi e preparati cultori della pizza. Con la proposta di un momento di assaggio assolutamente unico, reso possibile soprattutto da un’attentissima ricerca, dallo studio, dalla competenza, e soprattutto, da un intensissimo amore per i prodotti affinati degli anni, Farina del mio sacco riesce quindi a unire in un unico ma saporitissimo mash-up le bellezze della gastronomia con la bontà dei suoi elementi. Con una qualità che risulta sempre focus principale di ogni preparazione, la pizzeria Farina del mio sacco, in via Torre del Lebbroso, sceglie dunque di offrire una vasta gamma di prodotti pronti a soddisfare e allettare le più differenti esigenze.

La proposta gastronomica di Farina del mio sacco

Pizze, pinse, ed ancora, tipiche pizza in teglia alla romana e persino prodotti gluten free, specialità senza glutine preparate e cotte su piani di lavoro e forni rigorosamente separati. Da Farina del mio sacco ce n’è davvero per tutti i gusti… e per le più differenti esigente. Con impasti sempre artigianali e dunque di propria produzione che vanno a surclassare epicamente le più classiche basi preparate, Farina del mio sacco decide dunque di soddisfare tutti, ma proprio tutti, i palati.

Farina del mio sacco: Qualità e clientela

E se come focus della pizzeria brilla la qualità, di altrettanta luce propria può brillare anche il cliente. Perché al centro della pizzeria Farina del mio sacco c’è sempre il cliente e la sua esperienza. Il menù messo appunto a tavola, che passando per le grandi pizze tradizionali sa giungere fino alle più originali rivisitazioni, sa infatti garantire al suo avventore un momento di assaggio a dir poco eccezionale.

Una golosa occhiata al menù

C’è la Margherita 2.0, la Vivaldi, ed ancora, l’Ortolana, la FourFormaggi, la Pere e Zola  e la pizza Inferno. Ma non finisce qui. Dallo specialista della pizza non mancano nemmeno pizze speciali come la Trevigiana, al gusto deciso della Ajo e Ojo, oppure, la Jambon à la braise, ed ancora, la Cacio e Pepe e la  Carbonara.

Le pietre miliari della gastronomia nostrana

Senza tuttavia tralasciare pietre miliari della nostra tradizione gastronomica come la Amatriciana e la più nostrana Arnad, con fior di latte, zucchine e  Lardo di Arnad DOP, da Farina del mio sacco in via Torre del Lebbroso – Aosta, sanno sorprendere anche pizze premium come la pizza Crudo Gourmet, con il crudo Saint Bernard e le melanzane grigliate, oppure la Porchetta Igp e la Motsetta con mozzarella di bufala, cuori di carciofi e motsetta valdostana. Last but not least: la pizza che prende il nome dal suo stesso locale: la  strepitosa Farina del mio sacco. Tanto semplice quanto gustosa, questa pizza è infatti farcita con fior di latte, scamorza affumicata, salsiccia, noci, Auricchio piccante e infine basilico.

Farina del mio sacco: sfiziosità e dolci gluten free

E come potrebbero a questo punto mancare delle sfiziosità finali? Da farina del mio sacco c’è infatti il babà, il tiramisùclassico o con Nutella, e persino dolci come i Fiadoncini molisani o le patatine rustiche con buccia gluten-free.

Non resta dunque che trasportarci dallo specialista della pizza ad Aosta  per lasciarci, a nostra volta, trasportare dal gusto, dall’amore e soprattutto dalla qualità di un’esperienza di gusto a dir poco unica.

s.g

Altre storie
Chifari
Da camerieri a rider, come salvare il posto di lavoro in pizzeria