Ciro Salvo apre una pizzeria 50 Kalò a Roma

Ciro Salvo si appresta ad aprire finalmente anche a  Roma. Nello specifico, in via Flavia 3, a pochi passi dalla stazione Termini. Il nuovo 50Kalò della Capitale è infatti quasi pronto per il suo debutto.

Ciro Salvo è la terza generazione di una antica famiglia di pizzaioli. La sua ricerca sull’impasto super idratato gli è valsa premi e riconoscimenti della più autorevole critica nazionale e internazionale per la leggerezza e la digeribilità. Si è partiti da Napoli e il regno sta diventando pian piano un impero.

Ciro Salvo ha spiegato che l’idea di aprire a Roma è nata nel febbraio 2021. In un’epoca fatta ancora di restrizioni e incertezze non si sono mai fermati. Anzi hanno deciso di guardare avanti, di investire e costruire ancora. Da mesi Ciro riceve proposte di aperture in tutto il mondo. Tuttavia aprire un nuovo 50 Kalò non significa semplicemente aprire un locale altrove. Significa soprattutto trasferire l’identità, l’anima del progetto che ha tante sfumature. 50 Kalò non è solo un’insegna ma è la materializzazione di anni di ricerche, competenze ed esperienza maturata sul campo. Ogni apertura è studiata in modo meticoloso e tutti i locali sono gestiti interamente da Ciro e il suo staff. Il successo – ha dichiarato Salvo – non può prescindere dal duro lavoro e senza sacrifici è impossibile costruire.

Dunque l’offerta romana sarà incentrata sulle pizze iconiche di Ciro Salvo, insieme ai fritti. Una carta dei vini prevede etichette regionali, insieme a una piccola selezione champagne, mentre le birre artigianali vanno a completare l’offerta curata direttamente da Salvo. Al centro del locale campeggiano due forni a legna. Entrambi rivestiti di mattonelle rosse. Proprio come nelle pizzerie di Napoli e Londra. E anche il bancone è in marmo, come da tradizione napoletana. La nuova apertura di Roma, insomma, prosegue l’espansione del brand. Infatti il 50 Kalò Roma ad aggiungersi a 50 Kalò Napoli, 50 Kalò London. Tutto ciò insieme a 50 Panino e 50 Suite a Napoli.

 

Continuate a seguirci su Instagram.

Altre storie
Renato Bosco: il gusto della ricerca!