credits https://napoli.zon.it/

La pizza di Briatore avrà superato il test di Errico Porzio?

La pizza di Briatore non sfugge a nessuno. Persino i più celebri maestri pizzaioli non riescono a contenere la curiosità. È il caso di Errico Porzio. Porzio è pizzaiolo napoletano della nuova generazione. E che sposa in pieno la tendenza ad essere sui social: presenza attiva sui grandi vettori e condivisori di contenuti, da Facebook a Instagram a Tik Tok. Viene considerato infatti un food influencers. Poteva non fare un reel sulla sua esperienza al Crazy Pizza? Certo che no.

Ed appunto, Dopo essere stato a Milano per degustare la contestatissima pizza dello chef Carlo Cracco, stavolta Errico Porzio è andato a Roma nella pizzeria della Catena Crazy Pizza.

‘Una nuova interpretazione della classica pizza, con tutta la passione e lo spirito dell’Italia’ è lo slogan di partenza di Crazy Pizza.

Porzio ordina qui una margherita. Si presenta senza cornicione, non c’è lievito ed è stesa in modo largo, un po’ a mano e finita col mattarello. La degusta, la analizza ai bordi e nella cottura. La analizza anche nel contenuto, nel sapore e nella consistenza. Dopo un’attenta osservazione scopre è realizzata senza lievitazione. Ed infatti mostra nel video che ha una consistenza ‘da biscotto’. Ed è stata certamente cotta nel forno elettrico. Un prodotto totalmente distante dalla pizza napoletana.

Porzio non sembra definire la pizza di Briatore un eccellenza in fatto di arte bianca. Ma ammette  che il famoso manager di Verzuolo è un vero genio in fatto di marketing e pubblicità.

Arriviamo alla parte –forse- dal sapore più salato di questa esperienza, il conto. Lo scontrino della pizza di Flavio Briatore è  perfettamente in “stile Billionaire”. Per   4 pizze e 2 bottiglie d’acqua parliamo di 81 euro, incluso il coperto. Andiamo a vedere il dettaglio dell’ordine: la  pizza margherita costa 14 euro, invece la pizza con la burrata costa 22 euro . Una bottiglia d’acqua liscia 0,75 (meno di un litro) costa 4 euro.

Porzio forse non ha molto apprezzato il prodotto finale ma è certamente rimasto affascinato dalla capacità di Briatore in fatto di marketing.

 

 

Continuate a seguirci su Instagram.

Altre storie
Nuovi viaggi Slow Food Travel
Slow Food Travel: viaggi da sogno… e di gusto!