ridurre gli sprechi alimentari

Come ridurre gli sprechi alimentari

Consigli utili per evitare qualsiasi forma di spreco alimentare

Ridurre gli sprechi alimentari è un obiettivo che tanti si pongono. In primis per evitare di buttare cibo. Dunque ecco qualche utile consiglio per abbattere lo spreco alimentare domestico, dando anche libero sfogo alla creatività in cucina.

RIDURRE GLI SPRECHI ALIMENTARI: CUCINA AMICA

Innanzitutto, fare una spesa intelligente. Cosa vuol dire? Che bisogna verificare quali alimenti sono terminati ed evitare di approfittare delle offerte speciali accumulando prodotti. Specialmente se si pensa di non riuscire a consumare prima della scadenza i prodotti acquistati freschi.

Uno dei principali fattori di spreco alimentare è la scadenza dei cibi. A tal proposito, è fondamentale anche utilizzare qualche espediente per ricordarsi dei cibi che stanno per avvicinarsi alla data di scadenza. L’utilizzo strategico del frigorifero è un buon metodo per organizzarsi. L’ideale è posizionare i cibi che scadono prima nei reparti centrali del frigorifero, perchè sono i primi sui quali cade lo sguardo.

Altro espediente davvero molto utile è quello di congelare il cibo fresco o gli avanzi prima che si rovinino, confezionandoli in piccole quantità. Come il frigo, anche il congelatore è amico nell’obiettivo di ridurre gli sprechi alimentari.

E a proposito di scadenza. Non tutti i cibi vanno a male nei giorni successivi alla scadenza. Infatti in alcuni casi il ritardo di uno o due giorni nella consumazione rispetto alla scadenza non incide particolarmente, né dal punto di vista nutrizionale né rappresenta una minaccia per l’organismo. Quindi, non serve affrettarsi a buttarli. Infatti, molti cibi riportano la dicitura “da consumare preferibilmente entro”. Questa dicitura non ha nulla a che vedere con la data di scadenza. In questi casi, per l’appunto, superato il limite indicato, l’alimento non va a male, ma semplicemente perde alcune caratteristiche di freschezza quindi buttarlo sarebbe uno spreco.

 

NON SI BUTTA NIENTE

Se rimangono avanzi e se sono in buone condizioni, possono essere conservati in frigo per poi realizzare altri piatti. Il fondo del caffè si può usare anche per piante e giardini o per pulire i tubi, i limoni per profumare frigo e lavastoviglie e così via. Questa tecnica si chiama compostaggio.

È utile ricordarsi anche delle associazioni no profit. Anche aiutare il prossimo è una strada per ridurre gli sprechi alimentari.

 

Continuate a seguirci su Instagram.

Altre storie
Antica Pizzeria da Gennaro
Fabio Cristiano e la nuova pizza napoletana