fetta di pizza

Caro pizza a New York addio alla fetta di pizza a 1 dollaro

Addio alla iconica fetta di pizza a pochi centesimi

New York deve dire addio alla fetta di pizza ad un dollaro, anzi per la precisione a 99 centesimi. A causa dell’aumento generalizzato dei prezzi, la fetta di pizza a 1 dollaro in molti locali della Grande Mela costa un dollaro e mezzo. L’inflazione riguarda praticamente tutto ciò che ruota attorno al mondo pizza. Ossia farina, formaggio, pomodori, guanti, articoli di carta, piatti di carta, tovaglioli. Idem il costo del lavoro, decisamente in aumento.

La fetta di pizza in aumento, perché?

Di conseguenza, per sopravvivere, letteralmente, non si può evitare di alzare i prezzi, anche se nel farlo alcuni di loro scrivono lettere di scuse ai clienti sui social.

Purtroppo l’era dell’iconica fetta di pizza newyorkese – margherita o pepperoni – sembra essere giunta al termine.

Infatti l’iconica fetta di pizza a 1 dollaro o a 99 centesimi è un’istituzione radicalmente newyorkese, e trova la sua origine nelle prime pizzerie di fine ‘800 e inizio ‘900, quando gli avventori erano talmente poveri che non potevano permettersi l’acquisto di una pizza intera. Perciò i pizzaioli iniziarono a vendere la pizza a fette, facendole pagare pochi centesimi, e contemporaneamente a fare le pizze più grandi. Ovviamente negli anni i prezzi sono aumentati per l’inflazione, ma la fetta di pizza con ingredienti base è sempre costata poco rispetto agli altri cibi, e soprattutto era rimasta da tempo sotto la soglia psicologica del dollaro. Ora i newyorkesi assistono al paradosso dei cartelli che vendono la fetta a 1,50 dollari, sotto le insegne che reclamizzano ‘slice a $1’.

Meglio dell’hamburger!

Tutta l’ America è famosa per gli hamburger. Tuttavia la fetta di pizza a 99 centesimi a New York batteva anche l’hamburger a un dollaro delle catene di fast food. Secondo i (numerosi) consumatori di pizza al taglio della Grande Mela, c’é una grossa differenza rispetto all’hamburger: è difficile avere grandi pretese quando si acquista un hamburger a un dollaro, mentre la pizza è sempre buona.

Inoltre, in aggiunta a tutto ciò, per spiegare l’aumento dei prezzi, i ristoranti devono anche fare i conti con un drammatico aumento dei costi energetici. Il gas utilizzato per alimentare i forni per pizza è aumentato del 20,6% nell’ultimo anno.

 

 

Continuate a seguirci su Instagram.

Altre storie
Nuovi viaggi Slow Food Travel
Slow Food Travel: viaggi da sogno… e di gusto!