“La Scaletta”, la pizzeria che promuove la riforestazione urbana

“La Scaletta”, la pizzeria che promuove la riforestazione urbana

Il 21 marzo segna l’inizia della primavera ma questa giornata ad Ascoli Piceno è divenuta significativa anche per la partenza di un progetto green incentrato su un programma di azioni di riforestazione urbana in relazione con il mondo della ristorazione. Ideatori e promotori di Anima Verde (questo il nome dell’iniziativa) i fratelli Petracci, titolari della nota pizzeria La Scaletta di Ascoli Piceno. “In un pianeta i cui ritmi e gli equilibri naturali cambiano in fretta, vogliamo provare ad invertire la rotta con un progetto green con scelte maggiormente responsabili e consapevoli” hanno dichiarato i Petracci.

 

Piantare nuovi alberi ci appare ad oggi, il metodo migliore per abbassare i livelli di CO2, e allo stesso tempo per compensare e riequilibrare i consumi di legna generati in questi anni dalla nostra attività commerciale” ha aggiunto Mirko Petracci, pizza chef de La Scaletta, che domenica pomeriggio ha dato il via al progetto piantando tre alberi da frutto (un ciliegio, un pesco e un susino) nel parco del giardino comunale delle Tofare, attiguo al Giardino delle Margherite della pizzeria, inaugurato la scorsa estate.

 

Una pizzeria storica che ormai è parte della storia di Ascoli Piceno grazie ai suoi 43 anni di attività: “La pizza ha un linguaggio universale è un mezzo di comunicazione sano, e abbiamo pensato che anche questa volta possa guidare i passaggi verso la costruzione di una pizzeria sempre più green”, queste le parole di Mirko, Piero e Romolo. Anima Verde sposa i valori promossi da Stefano Mancuso, botanico e accademico internazionale, che ha lanciato la sfida di piantare entro il 2050 mille miliardi di alberi in tutto il mondo, per favorire il ritorno ad un maggiore equilibrio climatico, con una conseguente riduzione globale del CO₂.

Il progetto di riforestazione urbana è stato patrocinato dal Comune di Ascoli e accolto con entusiasmo dal sindaco Marco Fioravanti che da tempo persegue la strada della sostenibilità per la città. “La nostra pizzeria condivide in pieno la mission e vuole fare del suo per riequilibrare quanto bruciato nel forno a legna in questi 43 anni di attività piantando nuovi arbusti e piante da frutto che possano far bene a tutto l’ambiente” hanno sottolineato i Petracci. Il progetto Anima Verde prevede altre iniziative che verranno sviluppate su tutta la provincia con le associazioni non profit e non governative del territorio per tutto il 2021.

l.s.

Altre storie
ciro di maio
Ciro di Maio: una pizza per i ragazzi del Rione Sanità