CREDITS iodonna.it

Le Follie di Romualdo Rizzuti, la pizza napoletana a Firenze

Una carriera punteggiata di Successi quella di Romualdo Rizzuti, iniziata giovanissimo sulla costa salernitana di Camerota e proseguita a Firenze, dove si è fatto ambasciatore della cultura della pizza napoletana.

Romualdo Rizzuti consolida ormai sempre di più il successo della sua pizza napoletana ai vertici a Firenze ed in Toscana. E lo fa inserendo anche figure professionali di alto livello in sala.

 

Nell’elegante sede sita in via San Niccolò si potrà quindi  fare grandi abbinamenti di vino pizza e con oltre 60 etichette di champagne  e vini francesi, unico fra le pizzerie a Firenze.L’intento è quello sempre più di lanciare la pizza “gourmet” fra tradizione e innovazione.

 

Romualdo Rizzuti ha ottenuto per diversi anni  i “Tre spicchi” . E il riconoscimento come il miglior impasto d’Italia da parte della prestigiosa guida alle pizzerie  “Il Gambero Rosso”. Invece nell’anno trascorso viene  segnalato come settimo pizzaiolo in tutta l’Italia e primo in Toscana e a Firenze.

ROMUALDO RIZZUTI E IL SUO SUCCESSO

Ma quali sono i segreti del suo successo? Sicuramente la lievitazione naturale  per 36 ore dell’impasto. Nonchè l’utilizzo di materie prime di altissima qualità, come la farina con una sua miscela con farine di qualità con grani italiani macinati a freddo da proveniente da mulini. La mozzarella di bufala di Battipaglia, e fior di latte sempre campano.

Vi è inoltre una grandissima attenzione alla stagionalità. Vengono selezionati specifici prodotti per ogni periodo dell’anno. In base al quale il menù viene variato periodicamente. In modo tale da poter offrire solo eccellenze gastronomiche italiane

Nel ristorante di Romualdo si potranno assaggiare la classica pizza Margherita e la Mia Napoli, ma anche  con Gamberi lardo e tartufo, la Salsiccia e Friarielli , la Porcini freschi e San Daniele, la Capricciosa di Leonardo, che è nata in onore e perché piace a Leonardo Pieraccioni,  e al Gateau di patate.

 

 

Continuate a seguirci su Instagram.

Altre storie
Il settore della ristorazione è ancora in emergenza?