Impasto per la pizza fatta in casa per principianti

Ricetta della pizza homemade

La pizza è un grande classico della nostra tradizione, e tutti almeno una volta abbiamo provato a prepararla a casa. E chi non è molto avvezzo alla cucina? Ecco dunque la ricetta per preparare la pizza fatta in casa in modo semplice e facile, anche per i principianti.

 

Questo impasto prevede una bassa quantità di lievito. Ciò al fine di renderla più digeribile. Per cui i tempi di lievitazione sono necessariamente più lunghi.

 

Ingredienti per preparare la pizza, ricetta a prova di principianti

 

  • 500 gr di farina di grano tenero di tipo I forte (sopra i 250 W)
  • 4 gr di lievito di birra fresco o 2 gr di lievito di birra secco
  • 330 ml di acqua a temperatura ambiente
  • 15 gr di olio extravergine d’oliva
  • 15 gr di sale
  • farina di semola di grano duro per spolverare il piano qb

 

Procedimento

 

Mettere la farina in una ciotola e cominciare ad aggiungere molto lentamente l’acqua a filo, mescolando con le mani. Fare questo procedimento con molta attenzione a far assorbire bene l’acqua alla farina. Lasciare circa 50 ml da parte. Impastare fino a ottenere un panetto liscio e non appiccicoso.

 

Ora, sbriciolare con le mani il lievito di birra fresco. Se si sta utilizzando quello secco scioglierlo in un po’ d’acqua. Aggiungere il lievito all’impasto e farlo amalgamare per bene impastando con le mani.

 

Dopo circa 5/6 minuti l’aggiunta del lievito, unire all’impasto il sale poco alla volta, aiutandosi con l’acqua rimasta.

Continuare con l’aggiunta dell’olio. Anche in questo caso procedere aggiungendo l’olio a filo e prima di aggiungerne altro farlo assorbire bene dall’impasto.

Quando l’impasto sarà di nuovo tornato liscio e non appiccicoso, formare una palla e metterlo a riposare a temperatura ambiente per circa 10 minuti.

Passati i 10 minuti trasferire l’impasto su un piano di lavoro leggermente infarinato di farina di semola. Lavorarlo con il palmo della mano ripiegandolo su se stesso. Ripetere questo procedimento per alcuni minuti, quindi formare di nuovo una palla e metterla in una ciotola leggermente infarinata coprendo con della pellicola alimentare.

Inizia da questo momento la prima lievitazione detta anche “puntata“.

 

Passati circa 60 minuti dall’inizio della puntata è ora di fare lo “staglio”. Che consiste nella divisione dell’impasto nei panetti che saranno utilizzati per fare le singole pizze. Dunque lavorare ciascun panetto facendo attenzione che abbia la superficie liscia e omogenea senza presentare buchi o pieghe sulla superficie.

 

Mettere i panetti a lievitare a temperatura ambiente coperti da pellicola per l’ultima fase di lievitazione detta anche “appretto“. Lasciare lievitare per almeno 6 ore.
Nel caso si volesse utilizzare l’impasto il giorno successivo, riporre i panetti in frigorifero in recipienti chiusi o coperti da pellicola in modo che l’impasto non prenda aria.

Tirarli fuori e lasciarli a temperatura ambiente almeno 4 ore prima dell’utilizzo.

 

Infarinare la spianatoia con la farina di semola, quindi stendere con le mani ciascun panetto.

Infine metteterlo sulla teglia e farcire la pizza a piacimento per poi infornarla a 230 gradi.

 

Fattibile anche per i principianti.

Continuate a seguirci su Instagram.

Altre storie
Matteo Sangiovanni, orto e cucina per valorizzare il territorio
Matteo Sangiovanni, orto e cucina per valorizzare il territorio